PER LE IMPRESE

Come monitori lo stato di salute della tua Azienda?

Lo sai che il 16 Marzo 2019 è entrato in vigore l'art. 4 del D.L. 155/17? Sai già cosa fare per essere in linea con il nuovo art. 2086 comma 2?

SCOPRI DI PIU'

PER I PRIVATI

Che vantaggi avresti associandoti?

Quali e quanti vantaggi avrai aderendo ad ADIR o rinnovando la quota associativa 2019?

SCOPRI DI PIU'

ANOMALIE FINANZIARIE

Anatocismo, usura o truffa vera e propria?

Sei sicuro che il tuo intermediario finanziario, la tua banca o il tuo concessionario imposte non ti abbian "messo le mani in tasca" indebitamente?

SCOPRI DI PIU'
AssoDir Associazione per i diritti degli investitori e dei risparmiatori

esma 77

Il 2 giugno 2016 l’ESMA ha pubblicato un proprio comunicato ufficiale (sotto forma di “Statement”) con il quale ha inteso ricordare alle banche e alle imprese di investimento la responsabilità dalle stesse assunta di agire nel migliore interesse del cliente nel momento in cui si effettui la commercializzazioni di prodotti finanziari che potrebbero successivamente essere coinvolti in interventi di bail-in ai sensi della direttiva BRRD.

In particolare, l’ESMA considera come potenzialmente rischiosi tali prodotti soprattutto se commercializzati nei confronti della clientela retail che potrebbe non essere in grado di percepirne correttamente i rischi.

Lo Statement dell’ESMA ricorda che le banche e le imprese di investimento devono garantire la conformità alle previsioni della MIFID nell’attuare tali pratiche di commercializzazione, ed in particolare dovranno:

  • fornire agli investitori (esistenti e potenziali) informazioni aggiornate e complete, e che siano predisposte con il controllo della funzione “compliance” dell’istituto finanziario coinvolto;
  • gestire i potenziali conflitti di interesse, in particolare nel caso in cui le istituzioni in questione si approccino alla vendita diretta di tali strumenti finanziari secondo politiche di collocamento diretto o “self-placement”;
  • assicurare che i prodotti siano adeguati e appropriati per l’investitore, anche qualora ciò richieda l’ottenimento di maggiori e più dettagliate informazioni sul cliente di quanto non sia fatto normalmente e anche se ciò possa comportare la necessità di dover spiegare o ribadire al cliente che sussiste un rischio di perdita del capitale investito anche senza che l’emittente sia dichiarato “insolvente” e quindi trovino applicazione altri strumenti di intervento previsti dalla BRRD.

L’ESMA ha precisato che lo Statement in questione è frutto di una stretta collaborazione attivata tra l’ESMA stessa e l’EBA (European Banking Authority) la quale ultima ha una particolare conoscenza ed esperienza nell’interpretazione ed applicazione delle norme della BRRD.

FONTE: DIRITTO BANCARIO 06/06/2016

DALLA CUI PAGINA A QUESTO INDIRIZZO E' POSSIBILE SCARICARE LA NOTA IN PDF EMESSA DALL'ESMA

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiediamo una piccola cortesia:
molta gente reputa (stupidamente) che tutto quel che non ha un prezzo non abbia un valore.

Se ritieni che quel che hai appena letto GRATUITAMENTE, un valore ce l'abbia, dacci una mano a far capire i nostri sforzi per diffondere la vera cultura finanziaria, condividendoli con le persone a te care oppure effettuando una donazione anche di 1 solo Euro, cliccando sul pulsante qui sotto:

 

Ci aiuterai ad aiutare chi ha veramente bisogno di aiuto!

 

 

RIMANI AGGIORNATO: INSERISCI SUBITO I TUOI DATI QUI SOTTO PER RICEVERE LA NOSTRA NEWSLETTER

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information